Questo sito non utilizza cookie di profilazione propri. Sono invece utilizzati cookie tecnici e di terze parti per fini operativi, statistici e pubblicitari. Per sapere a cosa servono i cookie e per impostare le proprie preferenze visitare la pagina Privacy Policy. Continuando la navigazione o chiudendo questo avviso, acconsenti all'uso dei cookie e ai termini riportati alla pagina Privacy Policy.
OK

Prenotazione

Richiamami

Prenotazione

Castello Rosso: Il Castello / L'Arte
Castello Rosso: Telephone +39 0175.23.00.30

Richiamami

Inserisci il tuo nome
e il numero di telefono

Il Castello / L'Arte


Il Maestro d’Elva

Al secondo piano del Castello Rosso, fra misteriose scale che portano alle torri e le preziose camere in stile antico, si presenta un raro affresco attribuito ad Hans Clemer, detto il Maestro d'Elva. Questo dipinto, che viene datato alla fine del secolo XV, raffigura la Madonna con il Bambino, Maria Maddalena che sorregge una pisside e S. Caterina.

Affresco al piano 2° del Castello Rosso
Affresco al piano 2° del Castello Rosso

Hans Clemer, detto Maestro d'Elva (Fiandre, ante 1480 – Piemonte, post 1512), è stato un pittore fiammingo naturalizzato francese attivo in Piemonte nella zona di Saluzzo. Fu esponente della pittura gotico-fiamminga ma risultano scarsi i documenti riguardanti la sua nascita. Il percorso artistico di Hans Clemer è molto articolato, attento a soluzioni tecniche innovative molto all'avanguardia per l'epoca. Intorno al 1490 risulta essere già operante nelle valli del Marchesato di Saluzzo e, in particolare, nella Valle Maira. Meta di numerosissimi appassionati d'arte la chiesa parrocchiale di Elva, nella quale si può ammirare il ciclo di affreschi rappresentanti scene della vita di Maria e una maestosa Crocifissione, databile al 1493. Questo capolavoro gli valse il titolo di Maestro di Elva ma la presenza dell'artista, diffusa in gran parte del territorio del marchesato, è comprovata da una serie di opere che spaziano dai soggetti religiosi alle raffigurazioni storico-mitologiche. Nello stesso periodo fu chiamato a prestare la sua opera nel capoluogo del marchesato: Saluzzo. Qui Hans Clemer realizzò le sue ultime opere comunemente datate entro il 1511-1512. Oltre ai dipinti presenti sulla facciata della Cattedrale di Saluzzo realizzò anche il decoro "à grisaille" sulla facciata di Casa Cavassa e la Pala della Madonna della Misericordia.

La Pala della Madonna della Misericordia (1499/1500) Saluzzo, Casa Cavassa
La Pala della Madonna della Misericordia (1499/1500) Saluzzo, Casa Cavassa


Gli affreschi sulla scala della torre nord

Dal quarto piano del Castello Rosso si accede alle piccole scale che portano alla torre nord.
Le pareti di questa salita sono arricchite da affreschi databili inizio 800 dei quali però non abbiamo notizie certe. Tali dipinti raffigurano frati. Magica l'atmosfera che si respira scalino dopo scalino e sfocia sulla cima della Torre nord che, dominando l'infinita pianura, lascia senza fiato dalla bellezza! Che dire... tutto da scoprire!



La Chiesa del Belvedere

A poche centinaia di passi dal Castello Rosso, parte della proprietà, si trova la Chiesetta del Belvedere. Questa costruzione è un’autentica opera d'arte edificata in epoca contemporanea al castello. Originariamente destinata a cappella funeraria della famiglia Crotti, la Chiesetta del Belvedere rappresenta oggi un esempio di rara e ricercata architettura. Ancora da ristrutturare, ma parte integrante di un progetto futuro, oggi la si può ammirare in tutta la sua antica bellezza originale.

La Chiesa del Belvedere
La Chiesa del Belvedere


Il Grifone dei Crotti

A protezione del castello e dei suoi ospitati, in posizione strategica sul tetto, si erge fiero un enorme grifone in rame, antico stemma della dinastia dei Crotti. Tale figura mitologica, irta sulla parte più alta del maniero, oltre all’evidente valore simbolico vuole testimoniare la secolare arte nella lavorazione del ferro, dei metalli, bronzi e legno, tipica della Valle Varaita. Suggestivo il risveglio dalle camere del secondo piano del castello, che all’alba ricevono il primo buongiorno proprio da lui, silenzioso custode di tutta la storia del maniero.

Grifone dei Crotti


La torre del pensiero

Sull'angolo del parco del Castello Rosso, che domina il vicino Castello Reynaudi, si può scoprire una deliziosa Torre. Purtroppo le informazioni storiche su questa piccola costruzione sono avvolte dal mistero ma... a noi del Castello Rosso mistero e favole piacciono molto. La Torre oggi ha il compito di rendere indimenticabili magici romantici momenti per le coppie che desiderano sognare, appartati a lume di candela, con ottimo vino e cibo... complice un panorama mozzafiato.

La torre del pensiero


Photo Gallery

CASTELLO ROSSO S.r.l. - Via Reynaudi, 5
12024 Costigliole Saluzzo (Cuneo) Italia
Tel. +39 0175230030 - Fax +39 0175239315